Visto Turistico Italia

richiedi assicurazione sanitaria visto turistico

 richiedi fideiussione bancaria visto turismo

 

Ultime News

Flussi

Flussi regolarizzazione stranieri: I° assunzione e


Come-ottenere-il-permesso-di-soggiorno-per-la-prima-assunzione
Flussi regolarizzazione stranieri, prima assunzione di colf e badanti
 
Per assumere, e fare entrare regolarmente in Italia per lavoro subordinato, collaboratori domestici  ( colf, badanti, baby sitter, giardinieri ecc..) non comunitari residenti all'estero, si deve presentare domanda di nulla osta allo Sportello Unico per l'Immigrazione della Provincia (Prefettura), ove avrà luogo la prestazione lavorativa, in base alle quote previste dall'apposito "decreto-flussi", che stabilisce il numero massimo di cittadini stranieri extracomunitari ammessi annualmente a lavorare sul territorio nazionale.


Che cos'è il decreto flussi

 

Il decreto flussi è l'atto normativo con il quale lo Stato Italiano stabilisce anno dopo anno quanti stranieri possono entrare in Italia per lavoro subordinato, domestico, autonomo o stagionale. Il decreto flussi, però, non è mai stato in realtà emanato annualmente, nonostante sia l'unica possibilità per un lavoratore extracomunitario di entrare regolarmente in Italia, o, come accade spesso, per uscire dalla clandestinità e regolarizzarsi. Per quest'anno, siamo in attesa del Decreto Flussi 2011/2012, che stabilirà nuove quote per l'ingresso di cittadini stranieri extracomunitari, al fine di svolgere attività di lavoro subordinato non stagionale.

L'emanazione del decreto flussi 2011/2012 dipende dalla decisione del Governo, che dovrà stabilire, come di consueto, entro il mese di dicembre 2011, un nuovo decreto flussi o limitarsi semplicemente a fare scorrere la graduatoria flussi dell'anno in corso (2010/2011), come è già accaduto precedentemente negli anni 2008 e 2009.
Si ipotizza, inoltre, che il decreto flussi 2011 /2012 potrebbe riguardare ancora una volta esclusivamente lavoratori appartenenti ai paesi convenzionati, ed altre quote, riguardanti le mansioni di lavoro domestico (Colf, Badante e Baby sitter), per i paesi che non rientrano in queste convenzioni, come già accaduto nel Decreto Flussi 2010/2011.


A chi è riservato il decreto flussi e cosa succede?
 
Quel che succede davvero è molto diverso da cosa dovrebbe succedere. In teoria, il decreto flussi dovrebbe essere riservato a stranieri che si trovano ancora al loro paese di origine, in pratica, invece, gran parte dei beneficiari sono migranti clandestini che già sono in Italia e che, non avendo altro modo per regolarizzarsi, usano l'escamotage dei flussi. Così:

  • I migranti irregolari fingono di essere ancora ai rispettivi paesi di provenienza,
  • Il datore di lavoro fa la domanda con il decreto flussi ed ottiene il nulla osta a fare entrare in Italia l'immigrato clandestino,
  • Il lavoratore extracomunitario da regolarizzare torna al suo paese con il nulla osta ( rilasciato precedentemente al datore di lavoro dalla prefettura) e chiede il visto di ingresso all'Ambasciata italiana, fingendo di essere sempre rimasto al suo paese di origine.
  • Una volta ottenuto il visto, l'immigrato può finalmente ritornare in Italia da regolare.
 
In questo modo, però, gli altri cittadini extracomunitari, realmente residenti all'estero, che desiderano fare richiesta per lavorare nel nostro paese, vengono tagliati fuori e restano in attesa che il nostro Governo emani altri decreti, così da apportare un aumento significativo delle domande anno dopo anno.
 

E' così semplice rientrare nelle quote dei flussi 2011 /2012 ?
 
In realtà  non e' così semplice come si potrebbe pensare, infatti:
nel 2007, per 170mila quote, le richieste on-line di nulla osta presentate sono state oltre 740mila. 65.000 posti disponibili per colf e badanti sono stati assegnati in soli 38 minuti.
Per il 2008 ed il 2009 il Governo non ha  emanato nessun nuovo decreto flussi, limitandosi al ripescaggio delle domande presentate agli sportelli unici per l'immigrazione durante l'ultimo decreto 2007, scorrendo unicamente le graduatorie in sospeso.
Per l'anno 2010 è stato emanato il Decreto Flussi 2010/2011, con pochissimi posti a disposizione rispetto alle migliaia di richieste, in attesa da tempo immemorabile. Volendo fare un esempio significativo, possiamo dire che per Colf e Badanti erano disponibili solo 30.000 posti, i quali sono risultati ancora più esigui visto che sono stati assegnati in pochi secondi.
Pertanto, sono rimasti esclusi moltissimi cittadini, che pur avendo fatto la domanda nei termini di legge ( 6 mesi dalla data del clik- day), ed in possesso di tutti i requisiti richiesti si sono trovati senza nulla osta , per mancanza di disponibilità di quote, dovendo trovare vie alternative per lavorare nel nostro paese.
 

 

 

 

Come fare per rientrare nelle quote: Flussi 2012/2013.




                              

 

Agenzia Help Service - Via F. Ferrucci n. 7, 50053 Empoli (FI)_____ P.IVA 05749720487_________ Iscr. REA : FI 572412 _____ __ E-mail: agenziahelpservice@libero.it Flussi d'Ingresso , Visto per Turismo, Fideiussione, Cittadinanza,Permesso di soggiorno, Pratiche Regolarizzazione Stranieri