Sanatoria Stranieri 2012:

Visto Turistico Italia

 

come velocizzare cittadinanza, accelerare la pratica, avvocato cittadinanza italianarichiedi assicurazione sanitaria visto turistico

richiedi fideiussione bancaria visto turismo 

Ultime News

SANATORIA 2012: Come fare regolarizzazione immigrati extracomunitari clandestini?


Sanatoria 2012 lavoratori extracomunitari clandestini o irregolari in Italia: 15 settembre-15 ottobre 2012

Dal 15 settembre al 15 ottobre 2012, torna il Click Day, una nuova Sanatoria con la quale potranno essere regolarizzati tutti i rapporti di lavoro di cittadini extracomunitari clandestini o irregolari già presenti su territorio italiano in modo ininterrotto almeno dalla data del 31-12-2011.
Il rapporto di lavoro dovrà essere in corso al momento della presentazione della domanda e da almeno il 9 maggio 2012. Potranno essere regolarizzati i rapporti di lavoro subordinato a tempo determinato o indeterminato con orario di lavoro a tempo pieno e i rapporti di lavoro domestico a tempo determinato o indeterminato con orario di lavoro a tempo parziale non inferiore alle 20 ore settimanali.

La retribuzione del lavoratore dovrà essere corrispondente a quella prevista dal Contratto Collettivo nazionale della categoria di riferimento e comunque non inferiore all'importo minimo previsto per l'assegno sociale (5.577 euro annui, 490 euro mensili).
 
La regolarizzazione del rapporto di lavoro permetterà al lavoratore extracomunitario l'ottenimento del permesso di soggiorno e al datore di lavoro di evitare di incorrere nelle sanzioni previste per legge.

Cosa rischia un datore di lavoro che non regolarizza il proprio dipendente?


I maggiori controlli che l'Unione Europea ha preteso al fine di contrastare l'immigrazione clandestina e l'inasprimento delle pene dovrebbero scoraggiare l'utilizzo, in qualisiasi tipo di attività, di lavoratori non in regola con il permesso di soggiorno. Le pene infatti variano da un minimo di 6 mesi a 3 anni con multe da un minimo di 5000 euro fino a raggiungere la somma di 150.000 euro.
 
Inoltre, in caso di particolare sfruttamento, come da Codice Penale, anche su denuncia dello stesso lavoratore, è prevista un'ulteriore aggravante, mentre all'immigrato clandestino verrà garantito un permesso di soggiorno di almeno 6 mesi, prolungabile fino alla durata del procedimento penale, in modo da permettere in sede processuale la testimonianza.
La nuova Sanatoria permette quindi ai datori di lavoro di estinguere il reato penale e alleggerire le sanzioni economiche.
 
Quale è il reddito minimo che deve dimostrare il datore di lavoro?

I datori di lavoro dovranno dimostrare un livello di reddito sufficiente. Saranno richiesti:
- 30.000 euro in caso di persone fisiche, enti o società, risultanti dal reddito imponibile dell'ultima dichiarazione dei redditi, dal fatturato, o bilancio di esercizio precedente. La valutazione sulla capacità economica, nel caso in cui l'impresa fosse di nuova costituzione, e quindi non avesse ancora completato il primo esercizio d'imposta e non vi fosse una dichiarazione dei redditi di riferimento, dovrà tenere conto del fatturato previsto;
- 20.000 euro per l'emersione di un lavoratore domestico in caso di nucleo familiare composto da un solo soggetto percettore di reddito;
- 27.000 euro quando il nucleo familiare che assume un lavoratore domestico sia composto da più persone. Il coniuge ed i parenti entro il 2° grado potranno concorrere alla determinazione del reddito anche se non conviventi;
- Non dovranno dimostrare un reddito sufficiente i datori di lavoro che regolarizzano un lavoratore addetto all'assistenza di una persona affetta da patologie o handicap (badante). In tale caso dovrà essere rilasciata una dichiarazione di non autosufficienza rilasciata da una struttura sanitaria o da medico convenzionato con il SSN rilasciata prima della presentazione della domanda. Non sarà necessario produrre tale documentazione in caso di possesso di certificazione di invalidità.
 
 
Come presentare la domanda?

La domanda di regolarizzazione potrà essere presentata attraverso procedura telematica da tutti i datori di lavoro italiani, comunitari o extracomunitari titolari di carta di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo.
 
 
Per poter presentare la domanda di regolarizzazione sarà necessario il pagamento di un contributo forfettario a carico del datore di lavoro di 1.000 Euro a lavoratore, da versare presso gli sportelli di qualunque agente della riscossione, nelle banche convenzionate o negli uffici postali, tramite modello f24. Dovrà inoltre essere versata la regolarizzazione della posizione contributiva, retributiva e fiscale del lavoratore per un minimo di sei mesi (o maggiore in caso di rapporto di lavoro di durata superiore.)

Come succede dopo la presentazione della domanda e come fare ad essere i primi ad ottenere il permesso di soggiorno?

Il datore di lavoro verrà convocato presso lo Sportello Unico per l'Immigrazione tramite posta ordinaria, secondo un ordine che si ottiene scorrendo la graduatoria sulla base della data e l'orario d'invio della istanza di emersione.
Nella Sanatoria del 2009, che interessava solo colf e badanti, si era vista la presentazione di 300mila domande di regolarizzazione: questa volta, essendo interessati tutti i settori produttivi, compresi l'edilizia e l'agricoltura, settori che imiegano centinaia di migliaia di immigrati irregolari, si stima che questa sanatoria potrebbe interessare quasi mezzo milione di lavoratori.
E' necessario allora presentare la domanda il prima possibile: un ritardo di anche pochi secondi potrebbe comportare lunghi anni di attesa e l'impossibilità di spostamenti e licenziamenti nel periodo di pendenza della pratica.
 
Chi non può partecipare alla domanda di sanatoria?
 
È escluso dalla procedura di emersione il datore di lavoro condannato negli ultimi 5 anni per favoreggiamento dell' immigrazione clandestina, sfruttamento della prostituzione o di minori, occupazione illegale di stranieri, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.
È escluso dalla sanatoria il lavoratore nei cui confronti è stato emesso un provvedimento di espulsione per motivi di ordine pubblico o sicurezza, o che risulti non ammissibile in Italia in base ad accordi e convenzioni internazionali, che risultino condannati per uno dei reati per i quali l'art. 380 c.p.p prevede l'arresto in flagranza o che siano considerati una minaccia per l'ordine pubblico o la sicurezza dell'Italia o di altro Stato Schengen.
 

 


 


Di seguito, troverete articoli e aggiornamenti relativi alla Sanatoria 2012 per lavoratori extracomunitari clandestini o irregolari in Italia.  
Agenzia Help Service - Via F. Ferrucci n. 7, 50053 Empoli (FI)_____ P.IVA 05749720487_________ Iscr. REA : FI 572412 _____ __ E-mail: agenziahelpservice@libero.it Flussi d'Ingresso , Visto per Turismo, Fideiussione, Cittadinanza,Permesso di soggiorno, Pratiche Regolarizzazione Stranieri